Un Tool Ufficiale Di Xiaomi Ci Permette Di Verificare L’autenticità Del Vostro Smartphone

Xiaomi non rilascia aggiornamenti specifici per le patch di sicurezza, che vengono pubblicate in maniera molto disordinata insieme a nuove versioni dell’interfaccia MIUI. Le patch di sicurezza non vengono rilasciate con une periodicità definita, visto che solo la versione beta cinese viene aggiornata ogni settimana. Per le altre versioni invece le patch arrivano mediamente ogni 2-3 mesi. Gli smartphone Android, almeno quelli realizzati dai produttori più importanti e conosciuti, ricevono con una certa regolarità aggiornamenti software, a volte contenenti nuove versioni del sistema operativo, altre volte patch di sicurezza o correzioni di gravi bug.

Deve essere CB ed essere attivato per la prima volta in territorio italiano, poi è indifferente dove l’hai comprato. Anche perché hanno messo un blocco sulla pagina facilmente aggirabile. Se volevano, la cancellavano direttamente, invece così il servizio è ancora funzionante, ma a chi si lamenta dicono che l’hanno disabilitato… Comunque questa informazione fa capire che i telefoni CB sono quelli previsti per l’esportazione fuori Cina parallela senza un vincolo specifico del paese di destinazione, al contrario di quei lotti magari di quelli già predisposti e previsti per un dterminato mercato. Ho la sensazione che l’unico modo SICURO per avere uno Xiaomi con IMEI “giusto” per il nostro paese sia acquistarlo direttamente dallo store ufficiale.

  • La garanzia copra i danni che coprirebbe una garanzia Italia per gli stessi tempi.
  • Lo uso quando voglio controllare se un certo apparecchio è ancora in garanzia o no prima di chiamare l’assistenza per una riparazione e per decidere se valga la pena di pagare per l’assistenza ufficiale o se conviene cambiarlo con altro nuovo.
  • Se il telefono non ricade in una delle due casistiche di cui sopra, non si ha garaniza ufficiale italiana e ci si dovrà rivolgere al venditore .
  • Se possiedi un iPhone 6 equipaggiato con iOS 11.3 , sappi che per conoscere lo stato di salute della batteria, puoi avvalerti di una funzione inclusa “di serie” nel sistema operativo di Apple.

Su Banggood e Gearbest, ad esempio, si possono trovare tante offerte vantaggiose riguardanti proprio gli smartphone Xiaomi. Inoltre, sempre sul web è possibile trovare su questa pagina che ci consentono un risparmio ancor più corposo. Il brand Xiaomi ha conquistato passo dopo passo una posizione di rilievo nel mondo degli smartphone. Oggi sono milioni gli utenti che scelgono il noto marchio cinese, grazie a prodotti dal grande rapporto qualità-prezzo, realizzati rispettando i moderni canoni tecnologici indispensabili per un settore in continua evoluzione. I tempi di sostituzione o eventuale riparazione del prodotto dipendono esclusivamente dal produttore.

Se è Italia o CB hai la garanzia italiana, nel primo caso direttamente nei centri Xiaomi italiani ufficiali altrimenti tramite Xiaomi Italia ma contattandola al telefono . La garanzia per i telefoni sbrandizzati è sempre la stessa, non cambiano le condizioni ed è possibile rivolgersi anche ai negozi dove è stato acquistato il cellulare in caso di problemi. Ovviamente si punta sempre alle versioni Global, ovvero quelle che garantiscono l’uso di cellulari certificati per funzionare su suolo europeo. Ma non sempre le cose vanno per il verso giusto e spesso ci si trova con in mano uno smartphone contraffatto.

A questo punto premete “Verifica aggiornamenti” e seguite le istruzioni a video. Negli ultimi anni quasi tutti i dispositivi, anche quelli più https://centralpropertiesaustin.com/come-fare-hard-reset-redmi-note-7/ economici, ricevono almeno un major update di Android e per i top di gamma è quasi certo il rilascio di almeno due versioni. Xiaomi non fornisce tempistiche precise per quanto riguarda il supporto agli aggiornamenti. Alcuni smartphone sono stati aggiornati per 4-5 anni, altri abbandonati dopo due anni. In genere le patch sono garantite per almeno 24 mesi, così come gli aggiornamenti MIUI, che si spingono anche a 36 mesi. Modelli pronti a soddisfare ogni esigenza in ambito professionale ed Educational.

Questo si traduce nella possibilità che in rete, specialmente nei rivenditori asiatici di grossa distribuzione, circolino dei prodotti falsi. Per quanto identici all’originale, comprare un dispositivo “tarocco” è tecnicamente illegale, https://xiaomilatestnews.com/xiaomi-lancia-mi-wifi-range-extender-ac1200-un-nuovo-ripetitore-wifi-con-porta-ethernet/ oltre all’ovvio fatto che la qualità costruttiva lascia spesso a desiderare. Per risolvere questo inconveniente possiamo fare affidamento su un nuovo tool di verifica della garanzia che tutti possono usare liberamente.

In molti paesi, tra cui l’Italia, cambiare il Codice IMEI non è di per sé una procedura illegale, ma lo diventa solo nel momento in cui il dispositivo è rubato o viene utilizzato per fini illeciti. Al contrario, nel Regno Unito viete punito anche solo il possesso della strumentazione hardware e software necessaria al cambio dell’IMEI e ciò si deve al Mobile Telephones Act, una legge che prevede il perseguimento legale di chi compie questa operazione. E sono davvero tanti quelli che si affidano al web per acquistare uno smartphone Xiaomi.

Solitamente questi portali Web inviano via email la conferma di pagamento dell’ordine, di evasione, di consegna e, infine, quella contenente la fattura d’acquisto. Riuscendo a trovare queste comunicazioni, facilmente puoi verificare la data di acquisto dello smartphone, verificando il giorno in cui è stata ricevuta l’email. All’interno di questi documenti sono indicate diverse informazioni, ma quella che a te interessa, per capire se il prodotto è ancora coperto dalla garanzia legale, è quella relativa alla data di acquisto. Puoi trovarla in fondo, tra le ultime voci, nel caso in cui tu sia in possesso dello scontrino fiscale. Nella fattura, invece, la data di acquisto può essere indicata nell’intestazione del documento o tra le informazioni riportate sotto i riferimenti del venditore, poco prima del dettaglio dell’ordine. Di seguito l’elenco con i numeri dei principali produttori di telefonia mobile presenti sul nostro store.

No comments for this entry yet...